SCHIENALE ALTO, DIVANO MODERNO

Da quando gli schermi tv e gli impianti dolby surround hanno trasformato il mobile del soggiorno in un piccolo home theatre l’esperienza del cinema può essere vissuta stando comodamente a casa propria. Questa comodità però non è del tutto scontata perché può trovare qualche ostacolo nella scelta del divano, quantomeno per chi ne ricerca uno dal gusto moderno.

Diversamente da quello classico, il divano moderno si è sviluppato con un design che ha privilegiato le linee orizzontali e non ha mai enfatizzato l’altezza dello schienale. A questo bisogna aggiungere che la casa è diventata sempre più uno spazio privato, un rifugio dove ritemprarsi dalle fatiche quotidiane, per cui si è sviluppata la tendenza a prediligere il divano da relax rispetto a quello da conversazione, con la conseguenza che i divani odierni risultano in media più profondi di quelli di un tempo. Chi ama vivere il divano come un luogo dove sdraiarsi oggi può trovare soddisfazione in una offerta che spazia dalla profondità di100 cm, fino al 120 ed oltre, magari in morbida piuma. Chi invece ha la necessità di appoggiare la testa come al cinema mentre guarda la tv, ma non vuole rinunciare al design, deve ricercare quei modelli che meglio di altri sono stati in grado di coniugare la linea e le proporzioni del divano moderno con l’altezza dello schienale. In media i divani moderni raggiungono una altezza massima del cuscino schienale di 80 cm, mentre per l’appoggio della testa sono necessari almeno 90 cm.

Per raggiungerli un modo può essere quello di partire dalla linea più tradizionale del divano (a terra, seduta morbida, linea pulita e squadrata) e trovare un buon equilibrio tra le sue varie dimensioni, come nel modello Terminal-one di Flexteam

Il cuscino schienale raggiunge l’altezza di 90 cm anche se la struttura del divano si mantiene più bassa; il sostegno dello schienale viene garantito grazie ad un rullo collegato al cuscino che appoggia sulla struttura.

Giocare con le proporzioni non risulta comunque una cosa facile, tant’è che molte aziende hanno cercato di risolvere questa esigenza di appoggiare la testa mediante l’introduzione di meccanismi che consentono di alzare lo schienale. Un buon esempio può essere quello presentato da Calia, azienda che ha adottato un meccanismo semplice ma efficace su molti dei suoi modelli.

Rispetto alla soluzione precedente qui si può intervenire a piacimento su ogni singolo posto, senza alterare la profondità della seduta e mantenendo la giusta inclinazione per assecondare l’appoggio della schiena. Il vantaggio risiede nell’avere un divano versatile che fa del meccanismo uno dei suoi elementi estetici distintivi.

Di norma questa soluzione si accompagna a sedute e schienali che evitano la piuma perché necessitano di un buon sostegno, soprattutto per l’elemento mobile.

Vi sono comunque 2 limiti legati all’uso dei meccanismi: per il divano in tessuto la sfoderabilità può risultare decisamente complicata, inoltre quasi sempre la profondità totale del divano risulta superiore ai 100 cm. Per chi nel design ama le linee leggere e contenute è il caso di guardare ad altri modelli.

E’ un fatto che al divano lineare e filiforme, magari sospeso da terra, poco si confaccia uno slancio verticale. In questo caso si può trovare un buon alleato nel poggiatesta, un accessorio facile da inserire (e togliere), ed adatto ad ogni posto, anche se non ad ogni modello…

Pianca presenta un paio di validi esempi:

il modello Time (qui sopra), che raggiunge gli 86 cm di altezza senza aiuti, ma che all’occorrenza può giovarsi del poggiatesta

Ed il modello Volo (qui sopra), molto più lineare (seduta strutturale, bracciolo sottile, profondità 92cm) che se di base tocca i 79 cm, può raggiungere quota 95 grazie al poggiatesta (qui sotto a sx)

   

Rimane sottointeso che, se anche i divani hanno altezze fisse, le persone sono di altezza variabile, per cui chi è molto alto si potrà trovare a proprio agio su modelli diversi rispetto a chi è molto basso. Se poi il divano deve mettere d’accordo coppie variabili… allora il poggiatesta può divenire un buon alleato:

nel caso non serva più lo si può mettere da parte!


Lascia un commento